You are hereSesse e maree sul lago di Bolsena

Sesse e maree sul lago di Bolsena


----------------

Le sesse nel lago di Bolsena

I movimenti delle acque del lago consistono nel moto ondoso, nelle correnti lacustri e nelle sesse. Quando lo stato di riposo della massa d'acqua di un lago viene turbato da impulsi violenti di varia origine la superficie si deprime da una parte e si solleva dall'altra continuando poi ad oscillare, in misura decrescente, anche quando cessa l'impulso, sino a riprendere dopo un certo tempo lo stato di riposo.

Queste oscillazioni prendono il nome di Sesse. Causa principale delle sesse è il vento, il quale soffiando abbastanza a lungo nella medesima direzione, provoca correnti superficiali che spostano rapidamente masse d'acqua verso una sponda, così da turbare l'equilibrio dell'intera massa liquida. Altra causa è rappresentata dalla differenza di pressione atmosferica su due parti del medesimo specchio lacustre. Ad una differenza di pressione di 10 mm di mercurio corrisponde, infatti, un dislivello della superficie lacustre di circa 13 cm. A seguito di queste oscillazioni si crea una linea che divide il lago in due parti uguali, lungo la quale il livello non subisce alcuna oscillazione, mentre alle due estremità opposte si verifica la massima oscillazione verticale con movimenti sincroni, ma inversi.

Un vecchio detto dei pescatori dice: 'Vento che va corrente che viene". Questa breve frase fa capire in modo semplice e diretto come si muovono le correnti generate dal vento all'interno del bacino. Per evidenziare le direzioni delle correnti basta riferirsi ai principali venti che spirano sul lago di Bolsena seguendo la tradizionale denominazione usata dai pescatori (MAGGIORI INFO QUI).
Una sessa ha raggiunto nel 2000 un dislivello di circa 50 cm.
Un altro fenomeno comunque attinente alle sesse è quando, con la luna piena e in assenza di vento, si formano di notte delle piccole onde sul lago di Bolsena a causa della forza di gravità che esercita la luna sul lago, un fenomeno interessante quanto curioso.

BIBLIOGRAFIA

CASACCIA M.- TAMBURINI P. 2005. "Il vernacolo di Bolsena. Fonetica - morfosintassi - glossario'.
Quaderni del Sistema Museale del lago di Bolsena n.3, Bolsena.

Microclima lago di Bolsena